L'uso degli opendata

Una volta trovato il metodo ci si prende gusto.
Dopo l'articolo precedente in cui si spiega come cucinare una mappa delle scuole della provincia di Torino, questa volta vediamo come creare una mappa tridimensionale interattiva dei mercati della regione Piemonte in 10, pardon 11, passi utilizzando gli opendata messi a disposizione dalla Regione Piemonte.
Più o meno un paio d'ore.

1) Si scarica il file in formato csv dal sito dati.piemonte.it

2) Lo si importa e pulisce dai vari +ACI-, come spiegato precedentemente

3) si crea una colonna 'indirizzo completo' nella quale viene riportato il luogo e il comune dove si svolge il mercato; aggiungo la stringa "piemonte - italia" all'indirizzo per aiutare la successiva esatta georeferenziazione

4) creo una colonna per ogni giorno della settimana. Con una funzione del foglio di calcolo metto a 1 il valore quando il mercato è presente, cercando il valore del giorno nella colonna 'giorni di mercato'. Se, ad esempio quella colonna vale "lun. mer." faccio in modo che nelle colonne lun e mer il valore sia impostato a 1 per quel mercato. Negli altri giorni viene riportata l'irritante scritta "#VALORE!", ma non ho voglia di cercare di eliminarla e per ora la lascio

5) Esporto il tutto, da excel, in csv.

6) Excel è stupido. Non sa che 'CSV' vuol dire 'Comma separated values' e non 'puntevvirgola separated value'; infatti esporta i dati separati da puntoevirgola e non c'è santo per fargli cambiare idea. Invece di perdermi nelle funzioni apro il mio caro VI (o un qualsiasi editor di testo) e faccio due semplici operazioni:
6.1) sostituisco tutte le virgole con spazi;
6.2) sostituisco tutti i punti e virgola con virgole
In questo modo ho una tabella csv: valori separati da virgole.

7) Apro Google Fusion Tables e importo la tabella csv

8) Avvio la georeferenziazione per la colonna 'indirizzo completo'

9) In visualizzazione mappa, per ogni giorno della settimana:
9.1) filtro tutti i dati a seconda del giorno (per esempio solo se lun=1 ho tutti i mercati del lunedì
9.2) esporto tutti i dati in klm, che finisce automaticamente in google earth.

10) in google Earth raggruppo tutti i klm sotto un'unica cartella, cambio il simbolo (un colore diverso per ogni giorno), esporto la cartella in kmz

11) Avvio un altro visualizzatore di kml/kmz come descritto precedentemente (grazie al codice si Google code) ... et voilà, non resta che andare a fare la spesa.

URL: http://utenti.linkomm.net/mercati-regione-piemonte/container/

Per i più pigri, ecco il link al file kmz dei mercati del Piemonte già pronto e visibile in Google Earth.

Se volete pagarmi profumatamente per il servizio, cliccate su una pubblicità di Google; qualche centesimo di euro è garantito!

COMMENTI

2 commenti all'articolo
Anonimo 6 ottobre 2014, 12:22
wewewe

Anonimo 23 dicembre 2014, 00:11
bravo

Iscriviti alla newsletter