Come usare Linkedin per le aziende

Linkedin pagina aziendale
 

Linkedin è un social network pensato per il mondo del lavoro. È un ottimo strumento per figure professionali molto specifiche o altamente qualificate, che vogliono estendere la propria rete di contatti o farsi trovare da potenziali recruiters. Linkedin è un mezzo di comunicazione rilevante anche per le aziende, che possono acquisire una grande visibilità e raggiungere molti utenti interessati ad un settore specifico.

Perché un'azienda dovrebbe essere su Linkedin?

Innanzitutto, perché è un valido strumento per farsi trovare da esperti del settore e da potenziali clienti. Permette di creare una pagina aziendale e collegarla ai profili professionali dei dipendenti, le cui icone compaiono anche nella pagina aziendale in alto a destra.
Inoltre mette a disposizione uno spazio per presentare i propri prodotti e servizi: infatti dà la possibilità di creare fino a 10 pagine vetrina, ognuna collegata alla pagina madre.
Infine, perché questo social network rappresenta una valida fonte di traffico verso il sito aziendale: si possono inserire i link del sito web, del blog, delle altre pagine sui social media, a cui arriveranno gli utenti interessati.

Come si può sfruttare al meglio Linkedin?

Aprire una pagina aziendale è un primo passo molto importante, ma da solo non basta. Per ottenere una buona indicizzazione, occorre anche ottimizzarla per i motori di ricerca, definire un programma editoriale di pubblicazione degli aggiornamenti e mantenerla attiva frequentemente per aumentare il ranking.
Linkedin, immagine di copertina della pagina aziendale

Come creare la pagina aziendale

Nella barra in alto è presente la voce "interessi", selezionare "aziende" e poi "crea pagina aziendale".
Per prima cosa bisogna inserire il nome della pagina e un indirizzo email valido contenente il nome dell'azienda. L'indirizzo email deve essere associato ad una sola azienda, e non può essere riutilizzato se si chiude un account per riaprirne un altro. È meglio pensare bene prima di fornire il nome del dominio e dell'email, perché questi non potranno essere più modificati e non saranno più disponibili per una nuova pagina. Inoltre la pagina deve essere creata da un membro dell'azienda e non può essere cancellata autonomamente, ma occorre contattare l'assistenza di Linkedin: se non si dispone di nuovi dati è meglio modificare una pagina esistente piuttosto che crearne una nuova.
Il passo successivo è quello di inserire le immagini del profilo e di copertina, e compilare le varie sezioni, fornendo dati il più possibile precisi. La sezione "descrizione dell'azienda" deve fornire una panoramica sull'azienda, la sua mission e i prodotti o servizi che offre. È bene poi compilare tutti i campi relativi a tipologia e dimensione dell'azienda: più informazioni ci sono, più è facile per gli utenti capire che cosa stanno guardando; inoltre servono a indicizzare la pagina. Per aumentare l'indicizzazione a livello locale, è molto utile inserire gli indirizzi di tutte le sedi (se più di una), e i numeri di telefono/fax.
Compilare infine la sezione skills: queste appariranno sotto la descrizione e verranno usate come keywords.
Arrivati a questo punto, non resta che creare le diverse pagine: una per i prodotti e servizi, una per i profili dei dipendenti, una per le offerte di lavoro…

Company page di Microsoft su Linkedin: in evidenza le pagine vetrina collegate alla pagina principale.

Ottimizzare la pagina Linkedin per il SEO

Linkedin è un sito con un alto indice di autorevolezza, quindi ha un posizionamento elevato nei risultati di ricerca. Questo significa che una pagina su Linkedin ha potenzialmente una grande visibilità, ma occorre usare alcune tecniche di ottimizzazione per risultare in una posizione rilevante all'interno di ricerche che utilizzano keyword attinenti al proprio ambito lavorativo e alle proprie competenze.

Quindi bisogna utilizzare le tecniche SEO per aumentare il traffico verso la pagina. Uno strumento utile è Linkedin Insight Analitics: è sufficiente inserire la scheda "Analisi", per poter vedere le statistiche SEO. Si potranno vedere così i dati sui visitatori (come la posizione lavorativa, il settore, l'azienda in cui lavorano); le informazioni sul numero di visualizzazioni della pagina, sul numero di visitatori unici e di click per ogni sezione.

La prima cosa che gli utenti vedranno sarà l'immagine di copertina, assieme alla descrizione. L'immagine deve essere di alta qualità e di forte impatto comunicativo. Può contenere delle Call To Action, ad esempio un numero di telefono e l'invito a chiamare, o anche delle informazioni aggiuntive, come i servizi offerti e l'indirizzo del sito web. Non dimenticare infine di inserire il logo.
Nell'immagine qui sotto vediamo un esempio di copertina che contiene un motto per attirare gli utenti, e una CTA per invitarli a seguire la pagina.

Company page di Office

Ai fini dell'indicizzazione, la location indicata deve essere esatta e riportare l'area di interesse operativo.
La descrizione può essere lunga fino a 2000 caratteri, uno spazio sufficiente per presentare l'azienda e i suoi prodotti o servizi, la sua storia e la filosofia, cercando di far capire agli utenti in che modo potrebbe essere utile per loro. È meglio cercare di inserire le keywords in questo testo.

Per promuovere la pagina, si inizia collegandola al profilo personale del creatore, e invitando gli altri membri a fare altrettanto. L'icona della pagina compare tra le esperienze lavorative del profilo personale, e chiunque può accedervi e seguirla. Per ogni dipendente collegato alla pagina, compare l'icona del profilo personale di riferimento, nel riquadro in alto a destra della pagina. Più il profilo è ottimizzato, maggiori saranno i contatti che lo visualizzeranno e atterreranno sulla pagina. Così avremo utenti che arrivano al profilo dalla pagina, e anche utenti che trovano la pagina partendo dal profilo personale, e che dalla pagina arriveranno al sito web. Quindi è evidente che Linkedin produca un'ottima fonte di traffico qualificato, costituito da utenti realmente interessati.

Per migliorare il posizionamento è utile ottimizzare il testo dell'intera pagina, pubblicare aggiornamenti di qualità più volte a settimana, e incrementare il numero dei follower.
È consigliabile pianificare la pubblicazione dei contenuti. Dato che Linkedin è un network frequentato da professionisti, è importante pubblicare solo contenuti di qualità e collegati all'attività dell'azienda, e farli uscire con costanza. Meglio pubblicare sempre contenuti originali, perché la pagina può essere facilmente scoperta tramite una ricerca. I contenuti possono vertere si aggiornamenti aziendali e di interesse per il pubblico di riferimento, file di presentazioni e brochure per attirare potenziali partner e clienti, o contenere infografiche e video legati all'azienda e al settore di riferimento.

Un altro fattore influente sul SEO è la presenza di link esterni, come abbiamo avuto modo di vedere precedentemente nell'articolo Social Marketing e SEO. Anche su Linkedin è possibile aggiungere dei link a siti esterni, che vengono automaticamente etichettati come "sito web aziendale", "blog", "social network". È possibile e consigliabile modificare la dicitura generica con anchor text contenente il dominio del sito web di riferimento. Tale etichetta viene utilizzata dai motori di ricerca come keyword per capire il contenuto del link e indicizzarlo. Oltre al sito aziendale, è ormai indispensabile collegare la pagina anche ai profili sulle altre piattaforme social, inserendo il link unitamente al pulsante "Seguici". Risulta utile inoltre creare una landing page su cui veicolare gli utenti dei social network: può essere una semplice pagina con un form da compilare, una strategia che aiuta ad acquisite nuovi contatti.

Per ottimizzare le pagine vetrina infine, si può sfruttare la sezione della descrizione, del nome della pagina e la frequenza degli aggiornamenti pubblici. Le pagine vetrina servono a promuovere prodotti o servizi, quindi è bene che restino attinenti alla loro funzione con l'accorgimento di inserirvi le keywords che permettano agli utenti di trovarle. Le pagine vetrina sono pensate per fare riferimento a target variegati, e il loro scopo è quello di coinvolgere i follower interessati ad un preciso prodotto. Non compromettono l'integrità dell'immagine dell'azienda, poiché sono sempre collegate alla pagina principale. Gli utenti che desiderano approfondire un argomento o richiedere un prodotto arriveranno comunque alla pagina principale e troveranno i contatti.


Elena Cressotti


Approfondimenti: 


Un articolo di approfondimento sull'utilizzo dei social media per il marketing:
"Social Marketing e Seo"  - linkomm.net

Qui una guida che spiega passo passo come aprire una pagina aziendale:
"Linkedin per aziende: come aprire e ottimizzare la pagina aziendale" - martinadenardi.it

Strategie per trovare in breve tempo dei contatti rilevanti per la propria rete:
"Come generare Lead attraverso Linkedin - martinadenardi.it


Qualche utile tecnica SEO per migliorare il posizionamento della propria pagina:
"Linkedin SEO: cosa fare per triplicare le visite al profilo" - martinadenardi.it

Qui si parla dei vantaggi che si possono ottenere applicando le tecniche Seo su Linkedin:
"Linkedin: cos'è per il SEO?" - aleagostini.com

Una guida dettagliata sul funzionamento della pubblicità su Linkedin:
https://moz.com/ugc/take-your-brand-to-a-new-level-with-linkedin-ads

Guida di Linkedin sulle pagine vetrina:
"Creare una pagina vetrina" - Linkedin.com

Guida di Linkedin su Insight Analitics:
"Scheda analisi delle pagine aziendali" - Linkedin.com



Iscriviti alla newsletter