cambia l'algoritmo di ricerca google

mobile friendly

Questa volta Google lo dice esplicitamente: il 21 aprile 2015 cambia l'algoritmo di ricerca, mettendo in evidenza i risultati provenienti da siti ottimizzati per tablet e smartphone.

Starting April 21, we will be expanding our use of mobile-friendliness as a ranking signal. This change will affect mobile searches in all languages worldwide and will have a significant impact in our search results. Consequently, users will find it easier to get relevant, high quality search results that are optimized for their devices.
(Google Webmaster Central Blog)

 


Non è una svolta da poco, anche se non è la prima volta che Google dichiara quale sarà il cambiamento; l'aveva già fatto con HTTPS, dichiarando di favorire quei siti che utilizzano il protocollo criptato e, dalle prime analisi di terze parti, sembra che nei risultati dei motori di ricerca (SERP) ciò sia già visibile.
Il cambiamento impatterà anche le ricerche da desktopsembra inoltre che Google stia lavorando ad un indice solo per device mobili.

Per chi ha la responsabilità di condurre un sito che richiede di essere presente nelle prime posizioni dei risultati di ricerca diventa imperativo diventare mobile friendly per ottenere buoni posizionamenti.

Google mette a disposizione uno strumento per controllare se i siti sono pronti, lo si può trovare qui:

https://www.google.it/webmasters/tools/mobile-friendly/


Ma cosa significa far diventare il sito mobile-friendly?
Significa cambiare la struttura di generazione del codice in modo che il sito visto da smartphone o tablet si presenti navigabile: con caratteri sufficientemente grandi e link non troppo vicini, in modo che il nostro ditone, assai meno preciso del mouse, possa agire comodamente.
Esistono anche altri accorgimenti tecnici da tenere in considerazione; alcune pagine web sono costruite in modo da non poter funzionare sui device mobili, ad esempio perchè hanno funzioni legate al mouseover cioè al passaggio del mouse su una zona della pagina, diverse dal click, mente sui device mobili le due parti non sono separabili.

Per siti semplici potrebbe essere sufficiente interventire semplicemente a livello di foglio di stile, cambiando la modalità con la quale vengono visualizzate le pagine; per siti complessi potrebbe essere necessario ricostruire l'intera architettura dell'informazione, il layout ed il codice di generazione delle pagine. E' sufficiente pensare alla grande quantità di informazioni visive che possono essere inserite su un grande monitor desktop rispetto ai pochi centimetri quadrati di uno smartphone.
In qualche caso è necessario generare tre siti differenti: per desktop, tablet o smartphone.

Per siti piccoli o grandi è comunque necessario fare un controllo per evitare di finire nel dimenticatoio del web; nel frattempo cogliere l'occasione per verificare come vengono utilizzati i contenuti riorganizzandoli, ottimizzando così l afruizione dell'intero sito.

COMMENTI

0 commenti all'articolo

Iscriviti alla newsletter