Primi su google!!



Primi su Google!!!
Quante volte s'è vista una pubblicità di questo tipo: aziende che promettono che grazie al loro intervento si arriverà 'davvero' in prima posizione su google.

E' una promessa che nessuno può fare; tantomeno senza conoscere il sito da promuovere!
E' bene diffidare fin da subito da chi fa queste promesse; spesso dietro a queste agenzie si nascondono abili manipolatori dell'informazione che agiscono nel loro esclusivo interesse.
Facciamo un esempio: magari vi dicono che arrivate primi, e ci arrivate veramente, per una keyword di quattro parole ricercata con la loro consulenza; in questo modo una animaleria può arrivare prima per la keyword ''Shar-Pei animaleria quattordio" per la quale non esiste alcuna competizione; facilissimo arrivare primi, ma inutile da parte del cliente al quale basterà avere un qualsiasi sito contenente il nome della razza Shar-Pei, l'indirizzo dell'esercizio commerciale ed il suo nome per arrivare primo.

primi su google o no


 Ben diverso è, ad esempio, arrivare primo per "alimenti per animali"; qui la competizone è serrata!

keyword google


Ciò che può ragenovolmente offrire un'agenzia SEO è di arrivare tra i primi risultati, forse anche in prima pagina, entro un certo periodo di tempo che si conta nell'ottica delle settimane/mesi se i contenuti del sito sono
a) tecnicamente e sintatticamente ben scritti
b) indicativi ed importanti nei confronti della ricerca

Nel caso che non sia rispettato il punto a) la prima cosa che deve proporre l'agenzia SEO  è la riscrittura (o la scrittura)  di contenuti adatti coordinandosi con la struttura tecnica di realizzazione del sito; nel caso sia rispettato il punto a) ma non quello b) si proporrà un intervento di rivisitazione ed editing dei contenuti presenti.

A questo punto si è intervenuti sul sito modificandone alcune parti; non è sufficiente per una prima promozione, si deve ora curare l'ecosistema nel quale il sito può vivere in rete.
  • Innanzitutto è bene installare, se non c'è, un sistema di monitoraggio degli accessi per verificare i cambiamenti che avverrano
  • è poi bene utilizzare un sistema di monitoraggio SEO che riporti lo stato di posizionamento delle keyword nei motori di ricerca
  • è utile generare un file di sitemap xml da sottoporre ai motori di ricerca per suggerire loro quali pagine indicizzare
  • si deve analizzare le situazione dei competitor diretti, per scoprire perchè loro hanno posizioni migliori delle nostre
  • si deve analizzare la situazione dei link che dall'esterno portano verso il nostro sito, in qualità ed in quantità; non è possibile arrivare nelle prime posizioni senza questi link ed è molto pericoloso avere i link 'sbagliati' che possono portare a penalizzazioni
  • si deve considerare l'"intorno sociale", cercando di costruire una rete di relazioni tra il sito oggetto di promozione e i social network, in modo che esistano pagine su di essi che linkino al sito;
  • indispensabile è che sulle pagine appositamente create sui social network ci siano aggiornamenti costanti; è utile creare un calendario degli aggiornamenti
  • quando possibile richiedere agli iscritti alle proprie pagine di creare link a loro volta, coinvoingendoli in giochi/promozioni

Questo non è che l'inizio; a scadenza almeno settimanale si vanno a monitorare gli effetti delle operazioni effettuate e si fa una calibrazione fine degli interventi per migliorare il posizionamento del sito.
Tutto quanto detto si riferisce alla ricerca organica, cioè il cosidetto 'posizionamento naturale'; nel caso non si riesca a raggiungere il risultato, o se si preferisce raggiungerlo in breve tempo, è bene considerare il mercato SEM del marketing sui motori di ricerca, inserendo direttamente annunci a pagamento, o quello dell'inserimento di  banner verso il nostro sito; anche in questo caso monitorando attentamente la situazione.

Arrivare primi su google, quindi, si può: a patto di avere una struttura inattaccabile e i giusti contenuti che rispondano alle domande degli utenti meglio degli altri!

Iscriviti alla newsletter