FIWARE, l'europa, il socialismo ed il risorgimento digitale

In questi giorni dall'Europa arrivano fondi per lo sviluppo di applicazioni FIWARE, tanti milioni di euro, per la precisione 80 per piccole imprese e sviluppatori; l'argomento merita un approfondimento.
(Per chi sa cos'è Fiware e vuole saltare alle conclusioni sul socialismo e il rinascimento digitale: scendete a fondo articolo).

Cos'è FIWARE?
Innanzitutto l'acronimo: Future Internet Ware, ovvero l'attrezzatura per l'internet futura; è lo strumento di cui l'Europa si dota per combattere, e superare, i grandi colossi americani (Amazon, Google, etc). Il progetto è ambizioso, in questo testo cerco di descrivere cosa sia questo progetto, e cosa significhi, tentando di tenermi per quanto possibile lontano dai tecnicismi e riportando alla fine alcuni esempi pratici.
E' un progetto che è stato iniziato parecchi anni or sono che ora vede la luce nella sua fase attuativa.
Cercandone notizie in rete si trova parecchio per quanto riguarda la quantità dei fondi stanziati ed il periodo di lancio (ottobre/novembre 2014) dei primi finanziamenti; non è però facile cercare di capire praticamente di che cosa si tratti, e se si cerca di approfondire tecnicamente l'argomento si fa ancora più ostico, almeno per chi non ha dimestichezza con l'ingegneria informatica; tuttavia mi sembra interessante capire lo spirito con il quale l'Europa decide di stanziare questi fondi in un mondo tecnicamente dominato dalla superpotenza americana.

FIWARE smes

Come funziona FIWARE?
A partire dal sito di riferimento   fi-ware.org si può cercare di capirci qualcosa.
Innanzitutto il sottotitolo: open APIs for open minds, cioè vengono fornite per menti aperte API aperte. Non è certo l'apicoltura il centro del discorso, ma il concetto di API a disposizione delle menti aperte.
Sotto questa sigla API c'è il concetto di Application Program Interface, un concetto ben chiaro agli sviluppatori software; il significato è pressapoco questo: nello sviluppo di software è possibile sviluppare un programma in tutta la sua intierezza, anche quando è molto complesso, creando un 'mostro' software in grado di espletare tutte le funzioni necessarie.
Molto spesso questo 'mostro' è costituito da un corpo molto grande e da una testa molto piccola; cioè da un grande nucleo centrale di funzioni globali e da un piccolo insieme di funzioni di personalizzazione e comando.
E' possibile 'staccare la testa' dal corpo ed introdurre in mezzo un 'collo' che sono, appunto, le API che interfacciano il grande nucleo centrale con le piccole funzioni di comando. Nel 'collo' passano i comandi che consentono da una parte alla testa di comandare il corpo e dall'altra di ricevere dal corpo le informazioni periferiche.
Qual è l'utilità? Una azienda software può creare un nucleo centrale molto potente al quale, atraverso le API,  possono collegarsi molte teste per dare comandi, ognuna utilizzando ( in diversi tempi/modi)  il corpo centrale. Così facendo una sola azienda può occuparsi di sviluppare un corpo centrale ben costruito, solido, a prova di bomba; le altre non hanno che da costruire le 'teste', i programmi che personalizzano e comandano il corpo centrale; tutto questo utilizzando le API che vengono rilasciate da chi fa il corpo centrale e utilizzate da chi programma le 'teste'.
In questo modo tutte le aziende che vogliono costruire nuovi sistemi innovativi programmano 'teste' e non devono costruire 'corpi', risparmiando nei tempi di sviluppo; l'utilizzo delle API di programmazione può essere fornito in modo gratuito oppure a pagamento.
FIWARE API
Ho capito le API; che c'entrano con FIWARE?
Ora cerchiamo d traslare questo concetto software nel mondo del business tecnologico a grandi livelli: Google, Amazon e tutti i grandi hanno sistemi indipendenti, ognuno con il proprio corpo e la propria testa. La scommessa dell'Europa è quella di fornire a tutte le imprese europee un corpo solido da poter utilizzare in modo economicamente molto vantaggioso (a volte gratuito) in modo che possano concentrarsi a creare le 'teste' per costruire sistemi sempre più competitivi.
Il corpo così costruito avrebbe moltissime possibilità e potenzialità grandissime che potrebbero però solo essere messe a frutto sfruttando l'ingegnosità di chi 'inventa' le teste, dando a tutte le piccole imprese opportunità superiori a quelle d'oltreoceano.
Aggiungiamo un tassello: lo sviluppo del 'corpo' è collaborativo, cioè non è deciso a priori da qualcuno ma frutto della collaborazione tra più soggetti tra i quali sia le grandi aziende del settore che i piccoli sviluppatori che possono collaborare; ancora, questo sistema in molti casi può essere creato secondo il modello dell'open source consentendone a tutti l'uso e la modifica. Wikipedia insegna a quali risultati si può giungere collaborando.
Finora abbiamo parlato di programmi, cioè di sistemi che trattano dati; ma quali dati verrebbero trattati? Qui si inserisce un ulteriore tassello dal nome open data.
Già da qualche tempo il concetto di open data è diventato di pubblico dominio: si tratta di quella massa di dati, tipicamente in mano alle pubbliche amministrazioni, che rilasciato come disponibile a tutti diventa il motore dell'innovazione; il processo è in atto da qualche tempo ed ha visto la regione Piemonte tra i primi ad avviare processi concreti di liberazione dei dati, seguita da altre regioni e stati d'Europa.
Un 'corpo' potente e collaborativo che contenga la massa di dati pubblici disponibili in Europa diventa un oggetto di potenza inaudita: questo oggetto viene messo a disposizione delle imprese europee perchè possano diventare competitive con il resto del mondo.



Ma chi è coinvolto in FIWARE?
Descritto il modello generale, vediamo quali potrebbero essere gli attori del processo.
  • Le pubbliche amministrazioni -> open data
  • Le grandi e piccole società di telecomunicazioni -> i programmatori del 'corpo'
  • Innovatori, sviluppatori, persone cpon nuove idee in testa -> i programmatori delle 'teste'
  • Piccole e medie imprese  ->  la base per lo sviluppo dei nuovi servizi.


Chi mi aiuta ad entrare in FIWARE?

Vengono messi in moto i cosidetti 'acceleratori' ai quali le imprese possono rivolgersi per capire come fare ad entrare in questo processo, divisi a seconda degli 'argomenti':
  • Città digitali
  • Salute
  • Trasporti
  • Energia e ambiente
  • Agricoltura e cibo
  • Media
  • Manifattura e logistica
  • Apprendimeno e socialità.

Per vederne l'elenco competo ed i contatti: http://www.fi-ware.org/accelerators/





Cosa c'entra il socialismo ed il rinascimento digitale con FIWARE?

Questo approccio merita una considerazione; è chiaramente personale e voglio condividerlo.
Stiamo assistendo a qualcosa che a livello etico e filosofico abbiamo già vissuto.
Da una parte (America) ci sono colossi che si sono 'fatti da sè', con le loro capacità sono diventati grandi, i primi al mondo. Chi non è in grado, cade o muore.
Dall'altra parte, qui da noi, abbiamo un approccio diverso: si vuole costruire un bene comune al quale tutti possono collaborare per migliorare la collettività. Ogni singolo individuo potrà utilizzare il bene al di là del merito delle proprie capacità personali, chi non è in grado avrà uno strumento potente che lo potrà aiutare.

Fin troppo facile tirare il parallelo con il liberismo sfrenato contrapposto ad un socialismo (comunismo non oso dirlo, è bestemmia mi sa) dal sapore collettivo; non voglio certo giudicare senza appello le due impostazioni ma fornire uno spunto di riflessione per quella che potrebbe essere una diversità di approccio alle tecnologie, diversità che l'Europa mette alla base di un possibile rinascimento digitale.


In un prossimo articolo cercherò di essere più specifico su esempi pratici di come FIWARE può essere utilizzato per realizzare applicazioni utilizzabili nella vita di tutti i giorni.

Italo Losero 10 10 2014

COMMENTI

9 commenti all'articolo
Anonimo 16 ottobre 2014, 09:22
Purtroppo non sarà facile contrastare il colonialismo digitale americano che ha inventato, sostenuto e diffuso Internet!

Anonimo 9 novembre 2014, 08:52
Molto interessante, speriamo che il progetto si realizzi come Italo l'ha descritto.

Anonimo 19 dicembre 2014, 16:11
è vero, internet è stata inventata dagli americani, ma il web e l'http sono merito del CERN di ginevra

Anonimo 28 gennaio 2015, 12:31
complimenti per questo articolo. estremamente chiaro anche ai profani della materia come me. 10 e lode

Anonimo 17 luglio 2015, 09:27
Per favore è possibile avere un esempio cretino di una cosa che funziona con FIWARE
del tipo "CIAO MONDO"

Anonimo 8 settembre 2015, 08:43
ciao mondo

Anonimo 9 settembre 2015, 18:17
ho letto con attenzione, mi pare realmente un'ottima cosa e condivido pienamente l'iniziativa europea, ma servirebbe anche un semplice esempio per dare l'ordine di grandezza del rinascimento digitale di Fiware.

Anonimo 17 settembre 2015, 22:46
Parlare di socialismo o comunismo contrapposto a liberismo sfrenato è del tutto improprio in quest'articolo. Sono due modelli di sviluppo differenti. In America gli investitori privati sono molto attivi, è normale che sia molto più facile che le aziende riescano a crescere senza troppi aiuti. Peraltro negli USA - come ricordava con un articolo qualche tempo fa, il MIT Technology Review - il settore pubblico finanzia massicciamente la ricerca di base, e anche aziende private come Tesla (produttore di auto elettriche) ne beneficiano, nonostante si vantino di essere creature nate dall'iniziativa individuale di imprenditori illuminati, come Elon Musk nel caso specifico.
Sottolinerei, poi, come nel settore informatico quasi tutti i grandi colossi citati hanno lavorato a progetti open source, le cui ricadute sull'industria sono state enormi.
L'Europa è indietro e dunque è giusto che il pubblico si prenda l'onere di costruire una piattaforma comune di sviluppo - non in contrapposizione con quanto fatto altrove - quanto piuttosto in linea con il modello "free and open source" che da Linux in poi si è dimostrato vincente.

Anonimo 27 settembre 2015, 17:14
molto interessante

Iscriviti alla newsletter